Telefono: +39 075 914 85 05
Spedizione gratuita in Italia per acquisti superiori a € 29,00
Siamo operativi in questo periodo. Vi informiamo che le consegne verranno effettuate ma potrebbero verificarsi ritardi. Tempo medio di consegna: 48/72 ore. Leggi di piu
  • 0
Telefono: +39 075 914 85 05
Spedizione gratuita in Italia per acquisti superiori a € 29,00
Siamo operativi in questo periodo. Vi informiamo che le consegne verranno effettuate ma potrebbero verificarsi ritardi. Tempo medio di consegna: 48/72 ore. Leggi di piu
Spedizione gratuita in Italia per acquisti superiori a € 29,00
Telefono: +39 075 914 85 05

Covid-19, perché i bambini si ammalano di meno

timo ghiandola

Il timo potrebbe essere centrale per la difesa dell’organismo dall’infezione da Covid-19. Uno studio cinese pubblicato sulla rivista internazionale “Pediatrics”, condotto dallo studioso S.Tong dello Shangai Children’s Medical Center, ha preso in considerazione 2145 bambini affetti da Covid-19. I ricercatori hanno rilevato che il 90% dei casi pediatrici analizzati erano asintomatici o paucisintomatici (ovvero presentavano sintomi lievi), con un indice di mortalità che, per i minori di 18 anni, si attesta intorno a <0,05%.

Ma perché l’organismo dei bambini è in grado di fornire una risposta più efficiente all’infezione da coronavirus? Un’ipotesi riguarda la maggiore funzionalità del timo, che prima della pubertà risulta essere molto voluminoso e attivo. In attesa di studi approfonditi, non è ancora possibile determinare il ruolo del timo nella protezione dall’infezione da Covid-19.

Di una cosa, però, siamo certi: prendersi cura della propria ghiandola timica aiuta a prevenire e a combattere le infezioni da virus e batteri attraverso l’azione delle cellule T. Vista l’importanza del timo nel sistema immunitario, gli scienziati stanno attualmente cercando di capire come sia possibile riparare e rigenerare questo organo, in modo da garantire una risposta più adeguata all’attacco degli agenti patogeni.

Timo e sistema immunitario: come attivare la ghiandola del benessere

Il timo è una ghiandola sotto certi aspetti ancora misteriosa, che svolge un ruolo fondamentale nel sistema immunitario. Al suo interno maturano i linfociti T, globuli bianchi con funzioni decisive nella difesa dell’organismo da virus e batteri. Stress, ansia, malattie, l’avanzare dell’età influiscono sul timo, riducendo il suo volume, e rendendolo meno attivo e funzionale. In questo articolo, cercheremo di capire come attivare il timo per migliorare il nostro sistema immunitario adattativo, che, rispetto al sistema immunitario innato, consente una risposta più forte e specifica all’attacco di agenti patogeni.

Timo e funzione all’interno del sistema immunitario adattativo

Il timo è un organo primario del sistema linfatico, collocato dietro lo sterno, anteriormente ai grandi vasi sanguigni che partono dal cuore. Esso vive una fase di forte crescita e attività fino alla pubertà, per poi subire una fase di regresso, in cui diviene più piccolo e meno attivo.

L’importanza del timo per il sistema immunitario è fuor di dubbio. Proprio il timo, infatti, ha il compito di portare a maturazione i linfociti T prodotti nel midollo osseo e migrati all’interno del timo durante la vita fetale.

Aspetto del timo

Il timo è un organo piatto e asimmetrico, di consistenza morbida, e di un colore che, nei giovani, oscilla tra il grigio e il rosa. È formato da due lobi maggiori (destro e sinistro), entrambi suddivisi in tanti piccoli lobuli. Al momento della nascita, il timo misura circa 4-6 cm di lunghezza per 2,5-5 cm di larghezza, e ha uno spessore di circa 1 cm. Nel corso della vita varia le proprie dimensioni e la propria composizione, dapprima aumentando di grandezza, poi, dopo la pubertà, riducendosi drasticamente, e riempiendosi di tessuto adiposo. La causa di questo processo, detto “involuzione timica”, è l’incremento degli ormoni sessuali che si verifica nella pubertà.

Funzione del timo

La ghiandola timica è l’organo deputato alla maturazione dei timociti, le cellule presenti all’interno del timo, in linfociti T, dove la T si riferisce, appunto, al timo. I linfociti T sono cellule appartenenti al sistema immunitario, che concorrono alla immunità cellulo-mediata.

Questo tipo di immunità, che fa parte dell’immunità adattativa, ha principalmente tre funzioni:

  • elimina le cellule infettate dal virus
  • rimuove batteri, cellule tumorali, funghi e protozoi
  • distrugge i microbi sopravvissuti all’attività dei fagociti

Sebbene il timo sia fondamentale per l’immunità cellulo-mediata, la sua involuzione fisiologica, tipica del post pubertà, non intacca la capacità dell’organismo di difendersi dalle infezioni. Questo perché la ghiandola, prima della pubertà, è così attiva da produrre linfociti T anche per la vita adulta; inoltre quest’organo conserva negli adulti una certa attività, minima ma comunque bastante a mantenere inalterato il patrimonio di linfociti T prodotti nei primi anni di vita.

Relazione tra stress, timo e sistema immunitario

Gli effetti dello stress sul timo e, di conseguenza, sull’efficienza del sistema immunitario, ha oggi l’attenzione della scienza. Uno studio dell’Immunology Research Center “Branislav Jankovic”- Institute of Immunology and Virology “Torlak” – a Belgrado, ha analizzato il modo in cui i fattori di stress influenzano l’innervazione del timo. Per farlo, i ricercatori hanno esaminato topi maschi adulti sottoposti a nuoto forzato per 21 giorni: dopo aver subito tale carico di stress, il timo dei topi è apparso ridotto di volume sia nella corteccia che nel midollo. Tali cambiamenti indicano che lo stress cronico influenza lo sviluppo del timo e la maturazione delle cellule T.

Possiamo concludere che lo stress influisce sulla ghiandola timica, e, di conseguenza, sulla capacità del corpo di difendersi da virus e batteri. Tuttavia, non si tratta di una condizione permanente: basta eliminare la fonte di stress per riacquisire un timo forte e funzionale.

Allontanare le emozioni negative, lo stress e gli squilibri energetici ci permette di avere un timo sano; possiamo farlo proprio stimolando questa ghiandola attraverso il massaggio, lo yoga, l’alimentazione e l’integrazione con erbe benefiche.

Come attivare timo e sistema immunitario

Potenziare il funzionamento del timo significa rendere il sistema immunitario forte, in grado di resistere agli attacchi di virus e batteri. Vediamo come fare.

Massaggio del timo

Un metodo efficace per stimolare il timo è quello di picchiettarlo delicatamente, in modo da produrre vibrazioni utili a favorire la maturazione e il rilascio dei globuli bianchi. Questo gesto aiuta, inoltre, a rallentare l’atrofia della ghiandola che avviene dopo la pubertà. È un movimento simile a quello che fa il gorilla, il quale, nei momenti di forte stress, si picchia sul petto per aumentare i livelli di energia e allontanare la paura.

Ecco come svolgere l’esercizio di stimolazione del timo:

  1. Mettiti in posizione comoda e respira due volte profondamente
  2. Picchietta delicatamente, utilizzando 2-3 dita, l’area in prossimità della punta superiore dello sterno
  3. Ripeti il gesto per circa 20 secondi, respirando lentamente
  4. Ripeti l’esercizio da 1 a 3 volte al dì, arrivando fino a 4 durante la manifestazione acuta di un’influenza stagionale

Alimentazione e sistema immunitario

Puoi prenderti cura del timo e rafforzare le difese immunitarie attraverso l’alimentazione, che deve essere il più naturale possibile. Consuma molta frutta e verdura, evitando i cibi confezionati e precotti, ricchi di grassi saturi, zuccheri e conservanti.

Scegli soprattutto alimenti ricchi di vitamina E, come l’avocado e il germe di grano, di vitamina C, come le arance e i broccoli, e di vitamina D, come il cioccolato fondente. Introduci nella dieta pesci ricchi di grassi omega 3, ad esempio il salmone. Utilizza condimenti sani, in particolare l’olio di canapa e la curcuma, un vero toccasana per il sistema immunitario.

Melatonina

Agendo sul sistema neuroendocrino, la melatonina aiuta a migliorare il sistema immunitario. Un beneficio meno conosciuto rispetto a quello sul sonno. L’effetto principale della melatonina è sedativo: quando la sua concentrazione ematica aumenta, il corpo riceve il segnale che è buio e che è l’ora di riposare. Tuttavia, questa sostanza ha anche proprietà antiossidanti e influisce sul sistema immunitario promuovendo la produzione di linfociti T da parte del timo.

La melatonina può essere assunta sotto forma di compresse contenenti da 1 a 5 mg di principio attivo. Un altro modo molto efficace è utilizzare la luce: quella rossa stimola la melatonina inducendo il sonno, mentre quella blu agisce al contrario, facendo credere all’organismo che sia giorno.

Stimolare il timo con lo yoga

Nello yoga, il timo è collegato al quarto Chakra, il Chakra del cuore, Anahata, associato agli affetti e ai sentimenti. Gli esercizi yoga più adatti sono, dunque, quelli incentrati su questo Chakra, in particolare gli asana dello Hatha Yoga, che favoriscono l’apertura del torace e del petto.

Bhujangasana (posizione del cobra)

Partendo dalla posizione prona, fai pressione sui palmi delle mani appoggiati al tappetino e solleva il petto, mantenendo i glutei contratti per proteggere le lombari.

Ustrasana (Posizione del Cammello)

Posizionati in ginocchio sul tappetino, dirigi il petto verso l’alto e porta le braccia all’indietro, fino ad afferrare le caviglie.

Dhanurasana (Posizione dell’arco)

Sempre partendo da una posizione prona, afferra le caviglie con le mani sollevando sia il busto che le gambe.

Matsyasana (Posizione del pesce)

Stenditi in posizione supina, con le braccia ai lati del corpo, e inarca il petto verso l’alto.

Virabhadrasana (Posizione del guerriero)

In piedi, divarica le gambe portandone una avanti, in modo da formare un angolo retto con la coscia, e distendendo l’altra all’indietro. Con il busto ben eretto, distendi le braccia verso l’alto con le mani unite sopra la testa.

Altri rimedi per un timo e un sistema immunitario più attivi

Echinacea

Questa pianta è considerata un valido sostegno naturale alle difese immunitarie, utile a prevenire le malattie infettive. Il suo utilizzo risale agli Indiani d’America, che se ne servivano per curare le principali infezioni, come raffreddore, tosse e mal di gola, ma anche per rimarginare le ferite. Successivamente, le ricerche scientifiche hanno dimostrato gli effetti benefici dell’echinacea sul timo e sul sistema immunitario, in particolare sull’immunità adattativa o specifica.

Shungite

Per preservare al meglio le funzioni di timo e sistema immunitario, può venire in aiuto un oggetto particolare, la shungite, una pietra naturale formatasi due miliardi di anni fa nei terreni che circondano il lago Onega, nella regione della Carelia. La shungite si contraddistingue per due particolarità: ha un elevato contenuto di carbonio, ed è l’unico minerale organico conosciuto a contenere tutti gli elementi chimici presenti sulla Terra.

Queste caratteristiche uniche conferiscono alla pietra proprietà straordinarie. In particolare, la shungite si è rivelata il miglior scudo protettivo contro le onde elettromagnetiche: potrebbe, dunque, essere utile frapporla tra noi e i dispositivi elettronici, come la televisione, il computer e il forno microonde.

Campi elettromagnetici provocano un assorbimento di energia da parte dell’organismo con effetti su sistema nervoso ed immunitario che hanno caratteristiche analoghe a quelli prodotti da stimoli stressanti, favorendo il proliferare del virus

Vitamina C

Tra le sostanze amiche del timo e del sistema immunitario, c’è la vitamina C, che può essere assunta attraverso l’alimentazione (consumando, ad esempio, peperoni, uva, ribes nero, agrumi, kiwi, erba cipollina, timo fresco e prezzemolo) oppure introdotta nell’organismo con l’integrazione.

La vitamina C, o acido ascorbico, svolge innanzitutto una potente azione antiossidante volta a neutralizzare i radicali liberi e le molecole nocive prodotte dal normale metabolismo energetico e dal sistema immunitario impegnato a combattere i patogeni. Inoltre, la vitamina C stimola la funzionalità di alcune cellule del sistema immunitario, compresi i linfociti prodotti dal timo.

Triphala

Un altro integratore utile per il buon funzionamento del sistema immunitario è la Triphala, un rimedio composto da tre erbe diverse:

  • Amalaki (Emblica officinalis), anche conosciuta come uva spina indiana, è un potente antinfiammatorio e antiossidante naturale. Al suo interno si trova 20 volte la dose di vitamina C presente in un’arancia. In India è chiamata anche “erba infermiera” per la sua capacità di rafforzare il sistema immunitario.
  • Haritaki (Terminalia chebula), ricchissima di antrachinoni, svolge un’azione purificante e antivirale
  • Bibhitaki (Terminalia bellerica), oltre ad essere un eccellente ringiovanente, svolge un’azione broncodilatatrice utile a inibire le complicazioni polmonari dovute a infezioni, bronchiti e asma

Se, presi separatamente, questi “tre frutti” hanno proprietà straordinarie, miscelati tra loro diventano una vera bomba benefica per l’organismo, svolgendo un’azione positiva su timo e sistema immunitario.

L’efficacia della Triphala sulle alterazioni indotte dallo stress è stata indagata in uno studio indiano, il quale ha dimostrato che l’integrazione con Tiphala previene i cambiamenti fisici legati allo stress e migliora la risposta immunitaria dell’organismo.

Vitamina E

Anche il tocoferolo, o vitamina E, svolge un ruolo fondamentale per la salute e l’efficienza del sistema immunitario. È stato provato scientificamente che una maggior assunzione di vitamina E aiuta a prevenire infezioni batteriche e virali, oltre a prevenire malattie cardiache e ictus.

La vitamina E può essere assunta attraverso particolari alimenti, soprattutto germe di grano, olio di colza o di arachidi, frutta secca e spinaci crudi, oppure facendo ricorso ad integratori naturali, da assumere quotidianamente.

Ashwagandha

Un altro potente tonificante del sistema immunitario è l’Ashwagandha, una pianta che protegge l’organismo dalle tossine e migliora le difese dell’organismo. La parte utilizzata è la radice: riducendo i livelli di stress responsabili della riduzione del timo, porta il sistema immunitario a livelli ottimali.

Ideale per chi soffre di tensioni, attacchi di ansia e stress, tutti stati mentali che possono intaccare le difese del corpo. Pur essendo scientificamente provato, il meccanismo di azione non è ancora pienamente compreso: si pensa che le sostanze vegetali presenti nella pianta modifichino la stimolazione neuronale che causa lo stress, riducendo il rilascio di cortisolo da parte dell’organismo. Si consiglia di assumerla sotto forma di integratori per periodi lunghi che vanno da sei settimane a sei mesi.

Sono numerosi gli studi che dimostrano gli effetti positivi dell’Ashwagandha sullo stress: uno di questi, pubblicato sull’Indian Journal of Psychological Medicine nel luglio 2012, dimostra come la sostanza riduca notevolmente il cortisolo e l’esaurimento fisico provocato dallo stress.

Olio di semi di canapa

Si tratta di un olio ottenuto attraverso la spremitura a freddo dei semi di Cannabis sativa, dalle forti proprietà antiossidanti, immunomodulanti e antinfiammatorie. Il sapore è molto gradevole e ricorda quello delle nocciole. Ricchissimo di amminoacidi, vitamine e minerali, quest’olio vegetale contiene anche fitosteroli e cannabinoidi (soprattutto CBD, Cannabidiolo), che, secondo le ricerche scientifiche più recenti, svolgono un’importante funzione di modulazione del sistema immunitario.

Un cucchiaino di olio di canapa al giorno aiuta a prevenire disturbi cardiovascolari, muscolari e del sistema respiratorio. È consigliato anche in caso di patologie autoimmuni, come l’artrite reumatoide e il morbo di Crohn.

Alga Spirulina e Chlorella

Assumere un integratore di alga spirulina, ricco di magnesio, ferro, vitamina C e ficocianina (la sostanza che dona all’alga il suo caratteristico colore azzurro-verde), incrementa la produzione di anticorpi. Gli effetti benefici della spirulina sul sistema immunitario, soprattutto in riferimento a persone di età avanzata, sono stati dimostrati da uno studio condotto dall’Università della California Davis, e pubblicato su Cellular & Molecular Immunology, riportato anche sul sito del quotidiano La Stampa.

Un’altra alga ricca di benefici per il sistema immunitario è la Chlorella. Ricchissima di clorofilla (ne contiene da 10 a 100 volte di più rispetto alle verdure a foglia verde), è considerata un alimento ricostituente indicato per supportare il timo e il sistema immunitario.

I nostri integratori per il supporto del timo e del sistema immunitario

Noi di InnerLife ti proponiamo tantissimi prodotti naturali utili a stimolare timo e sistema immunitario, come gli integratori Pukka a base di Triphala, i tre “frutti” che depurano l’organismo e innalzano le sue naturali difese, proteggendolo da virus e batteri. Prova Wholistic Triphala: ogni capsula fornisce al corpo ben 600 mg di triphala, 160 mg di estratto wholistic di Triphala e 40 mg di Nutrigest (un mix di spirulina, alghe artiche fresche seagreen e radice di zenzero), una vera esplosione di benessere per l’organismo e le sue difese immunitarie.

Tra i migliori prodotti della linea c’è Wholistic Ashwagandha. Come abbiamo detto in precedenza, l’Ashwagandha, conosciuta anche come ginseng indiano, è un tonico adattogeno utile a calmare gli stati di ansia, lo stress psico-fisico e la stanchezza cronica, tutte condizioni che compromettono notevolmente le funzionalità della ghiandola timica.

Per aiutarti a prenderti cura del tuo organismo, ti proponiamo anche strumenti e accessori per praticare yoga e meditazione, attività che favoriscono il rilassamento e il benessere psico-fisico, stimolando il timo e il sistema immunitario. Tappeti, cuscini, indumenti, portacandele, statuette, campane tibetane e panchette per la meditazione, per raggiungere la calma, l’energia e l’equilibrio di cui il tuo corpo ha bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *